Condividi suShare on FacebookTweet about this on Twitter

Qual è? Tecla Dozio intervista Barbara Garlaschelli


Oltre allo straordinario “O ridere o morire”, suoi racconti sono presenti in tutte le nostre antologie

Qual è:

Il romanzo che avresti voluto scrivere tu – Mentre morivo di William Faulkner. E’ un romanzo straordinario, una storia bellissima raccontata a più voci, che sembra semplice, ma che in realtà ha un registro stilistico molto complesso, con rimandi continui alla grande letteratura mondiale, dall’Antica graecia a Joyce. Racconta di una famiglia di contadini poverissimi e legati alla terra (tema caro a Faulkner), i Bundren. Quando muore la madre, Addie, il marito Anse e i cinque figli (Cash, Darl, Jewel, Dewey Dell e Vardaman) caricano la bara su un carro malconcio e partono per la lontana Jefferson, dove la donna era nata e dove desiderava essere sepolta. Il viaggio diventa il simbolo di tutto: richiami agli archetipi biblici, alla Storia, ma soprattutto è l’occasione per esplorare la reazione dei vari personaggi ai fatti che stanno vivendo.

la cosa straordinaria è che è un fomanzo composto da 15 voci monologanti e tutti danno la forma a un”unica storia.

Il tuo colore preferito – Arancione. Perché è un colore caldo, perché mi dà una sensazione di accoglienza e allegria, perché mi rassicura.

Il film più amato – La banda degli onesti con Totò. Ti dico questo ma Totò lo adoro incondizionatamente tutto (meno quando era giovane). E poi Wall-E, il film animato della Pixar, una straordinaria storia d’amore tra due esseri che appartengono a due mondi diversi, che sono dei sopravvissuti, che sono la rappresentazione perfetta (pur essendo due oggetti) dell’uomo e della donna, del loro amarsi senza però capirsi.

Cibo – Lasagne, e che altro devo spiegare? la parola parla da sola.

Sport – Nuoto. L’ho sempre amato e lo amo ancora. Mi fa sentire libera.

Squadra calcio – Inter, ma per questioni d’affetto. Roba tipo il nonno era interista, il papà (a cui fregava meno di zero il calcio, come lla sottoscritta) era interista, la mamma, la nonna…

Attrici – Kathrine Hepburn, Charlize Theron. Due attrici capaci di essere personaggi molto diversi, non chiusi in un cliché. Mi ispirano indipendenza, rispetto, disciplina.

Attori – Totò

Fiore – Gerbere, mi mettono allegria, sono grassottelle.

Luogo di villeggiatura – Qualunque luogo di mare. Senza mare sono più triste.

Hobby – Disegnare, mi rilassa, mi distrae, mi solleva l’animo.

Autore classico – Dante

Autore contemporaneo – William Faulkner

Il romanzo che consiglieresti a tutti e perché – Blondie di Joyce Carole Oates, perché è scritto in modo meraviglioso e racconta di un personaggio (Marilyn Monroe) ribaltando lo stereotipo. È appassionante.

La tua giornata tipo – Mi sveglio abbastanza presto ma sto a letto per un po’ e leggo o scrivo al computer. Giampaolo, il mio compagno, mi porta la colazione, mi aiuta a lavarmi, vestirmi, salgo in studio e comincio a lavorare (scrivo o leggo). Spesso comunico con il mondo tramite fb, o skype, o chat. dipende se ho voglia di parlare o di scrivere (per dialogare, intendo). Pranzo con Giampaolo, beviamo il caffè, poi torno in studio fino a sera. A volte a cena vengono gli amici, ma spesso, soprattutto in inverno, io e Gimps ce ne andiamo a letto a vedere film. O a fare altro (ma non è che devo raccontare tutto, giusto?). leggo e spero di addormentarmi.

Quella che vorresti fosse la tua giornata tipo – Su un’isola, sulla spiaggia, a fare le stesse cose, al caldo davanti al mare. Con tanti amici da incontrare durante il giorno, la sera e la notte.

Trasmissione televisiva – Incontri ravvicinati su rai 5. Mi piacciono le interviste a persone interessanti.

Trasmissione radiofonica – Ascolto solo muisca

Genere musicale – Tutto, a parte la musica da camera…

La cosa che vuoi che si sappia di te – Che sono una donna che ha un profondo senso dell’etica.