Condividi suShare on FacebookTweet about this on Twitter

Qual è: Tecla Dozio intervista Massimo (Macio) Marcotullio

Qual è

Il romanzo che avresti voluto scrivere tu Il Conte di Montecristo.. Il più pazzo, incoerente, farraginoso capolavoro della storia della letteratura.

Il tuo colore preferito – Rosso. Come cantava Gianfranco Bertoli: … e l’azzurro sta nel cielo e il verde sta nei prati e rosso è il colore dell’amore.

I film – Non ho dubbi: Apocalypse Now, di Francis Ford Coppola e il Mucchio Selvaggio di Sam Peckimpah.  Entrambi incarnano la mia idea di Anarchia.

Cibo – Maialino al forno con cotenna croccante. Una prelibatezza sibaritica.

Sport – Nuoto. Mi piace assistere alle gare e, ancor di più, mi piace praticarlo, pur nei limiti impostimi a un fisico non esattamente scultoreo. Il silenzio, la concentrazione, la consapevolezza del proprio corpo che si sperimentano quando si nuota sono quanto di più prossimo alla libertà si possa provare.

Squadra calcio – Juventus. Per sempre.

Attrici – Cherlize Theron e Micelle Pfeiffer. Due regine.

Attori – Sean Connery e Johnny Depp. Due esuli volontari nel mondo del cinema.

Fiore – Fiore di zucca. In pastella, fritto, eventualmente farcito con mozzarella e acciuga.

Luogo di vacanza – Amo il mare della Sardegna e ancor più adoro gli spazi sconfinati del deserto.

Hobby – Leggo e scrivo. Non è abbastanza?

Autori classici – Omero, ammesso che sia mai esistito un autore che portasse questo nome. Le opere, al contrario, esistono, eccome. E sono una fonte perenne di magia. Tito Lucrezio Caro. Il De Rerum Natura costituisce, a mio parere, l’esempio più alto delle vette alle quali si può spingere l’intelletto umano. Miguel de Cervantes y Saavedra. Per la sua ineguagliabile e malinconica ironia.

Autore contemporaneo – Difficile dare una risposta. Carlo Emilio Gadda può essere considerato un contemporaneo? E Jorge Luis Borges?

Il romanzo che consiglieresti a tutti e perché – Senza alcun dubbio, Argento Vivo (titolo originale Quicksilver) di Neal Stephenson. Un romanzo che vorrei aver scritto io, anche se so che non sarò mai in grado di farlo. Trama avvincente; costruzione vertiginosa; personaggi memorabili. Non perdetevi neppure il seguito, che si intitola Confusione. Due pietre miliari.

La tua giornata tipo – Sveglia antelucana. Lavoro. Lavoro. Lavoro. A nanna.

Quella che vorresti fosse la tua giornata tipo – Sveglia libera. Letture. Un po’ di lavoro, ma senza esagerare. Gli amici.

Trasmissione televisiva – Le trasmissioni gastronomiche di Gambero Rosso Channel, dove i grandi chef ti fanno vedere come si fa.

Trasmissione radiofonica – Fahrenight, su radiotre. Sebbene, a volte, i conduttori possano apparire un po’ sussiegosi, la trasmissione è l’unica, nel panorama radiofonico, che spalanchi una finestra sul mondo della cultura.

Genere musicale – Musica Barocca. Bach, soprattutto, ma anche Haendel. Ballate elisabettiane: John Dowland, Orlando Blossom. E Mozart, naturalmente. Come si può resistere al flauto magico del bardo di Salisburgo?

La cosa che vuoi che si sappia di te – Preferirei non rispondere a questa domanda. Meno se ne sa e meglio è. Lo dico nel vostro interesse.